Archive for October, 2006

Green Asus

Saturday, October 14th, 2006
greenasuspic2blog00.jpg

Asus dreams up modular PC of the future
(solo in Inglese)

New Images and Details About the Asus Green PC Concept
(solo in Inglese)

Asus ha presentato la sua proposta di Green Pc. Si tratta di un sistema modulare, in cui ogni componente è alimentato per induzione, trasmette dati tramite una connessione senza fili a banda larga (UWB). I rappresentanti dell’azienda taiwanese hanno sottolineato che l’operazione ha tenuto anche conto degli oneri che la direttiva RAEE ha imposto al mercato informatico. La modularità del sistema rende più flessibile ed efficace la sostituzione e il recupero di ogni componente.

::

vedi anche:

it.wikipedia.org/wiki/Induzione_elettromagnetica

Asus gets futuristic with modular PC; February 23th, 2006
(solo in Inglese)

Asus focuses on green laptop design; February 23th, 2006
(solo in Inglese)

A glimpse into the future: Asus Green PC; March 15th, 2006
(solo in Inglese)

green.asus.com
(solo in Inglese)

www.asusdesign.com [concept developer]
(solo in Inglese)

One Laptop per Child

Monday, October 2nd, 2006
onelaptopperchild.jpg

http://www.laptop.org/index.it.html

Questo è il sito ufficiale dell’associazione One Laptop per Child (OLpC) non-profit fondata da Nicholas Negroponte. Obiettivo del progetto è la produzione di un computer portatile dal costo non superiore ai 100$, per fornire a ogni bambino del mondo (specie a quelli nei paesi in via di sviluppo) l’accesso alla conoscenza e alle moderne forme educative. La creazione di OLpC e il suo ambizioso progetto di ricerca sono stati annunciati al World Economic Forum in Davos (Svizzera) il 28 gennaio 2005.

::

vedi anche:

http://it.wikipedia.org/wiki/One_laptop_per_child

http://it.wikipedia.org/wiki/Nicholas_Negroponte

altro da Greenpeace

Monday, October 2nd, 2006
greenpeacemorefrom.jpg

toxic-chemicals-in-computers.pdf
(solo In Inglese)

greener-electronics-guide.pdf
(solo In Inglese)

Toxic chemicals in computers* è uno studio condotto da Greenpeace per raccogliere informazioni sulla presenza di alcune sostanze pericolose all’interno di un campione di computer portatili e per indagare sui metodi di controllo, con l’intento di verificare se essi siano presenti o meno. I laptop scelti per questa indagine sono: Acer Aspire 5670 Series (5672WLMi), Apple MacBook Pro, Dell Latitude D810, Hewlett Packard (HP) Pavilion dv4000 Series (dv4357EA), Sony VAIO VGN-FJ Series (FJ180). I risultati sono inquietanti.

greenpeacemorefrom.jpg

La Greener electronics guide** presenta una classifica delle principali aziende produttrici di telefoni cellulari e personal computer, sull’insieme delle loro politiche e pratiche per l’eliminazione delle sostanze chimiche dannose e riguardo l’assunzione di responsabilità per i loro prodotti, una volta dismessi dai consumatori. Le compagnie sono state valutate esclusivamente sulla base di informazioni di pubblico dominio. Una nota su cui riflettere: “finché non si smetterà di far uso di sostanze tossiche nei prodotti, sarà impossibile garantire un riciclaggio ‘sicuro’. Per questa ragione, i punteggi attribuiti alle prassi aziendali per le sostanze chimiche [...] hanno un peso maggiore dei criteri inerenti il riciclaggo.”

::

vedi anche:

* Rotten to the Core; September 18th, 2006
(solo In Inglese)

* Treehugger about Rotten to the Core; September 21th, 2006
(solo In Inglese)

** Ecco la ecoguida ai prodotti elettronici

** greener-electronics-ranking-c.pdf
(solo In Inglese)

** greener-electronics-apple-rank.pdf
(solo In Inglese)

** Treehugger about Greener Electronics Guide; August 30th, 2006
(solo In Inglese)

DELL si fa sostenibile

Sunday, October 1st, 2006

Dell to phase out brominated flame retardants and PVC by 2009
(solo In Inglese)

Chemical_Use_Policy.pdf
(solo In Inglese)

Dell ha risposto ai recenti studi sulle prestazioni ambientali dell’industria elettronica puntando alla sua Politica d’Uso delle Sostanze Chimiche (pdf): “Dell ritiene che, qualora ragionevoli fondamenti scientifici indichino che una sostanza (o gruppo di sostanze) potrebbe implicare significativi rischi ambientali o alla salute umana, anche ove l’entità complessiva del danno non fosse stata ancora accertata, si debbano adottare misure precauzionali per evitare l’uso della/e sostanza/e nei prodotti. Dell si impegna ad eliminare dai suoi nuovi prodotti ogni impiego residuo di ritardanti di fiamma bromurati (BFRs) e polivinilcloruro (PVC) entro il 2009.”
Nell’articolo si legge: “Siamo curiosi di sapere se la compagnia prevede di creare prodotti diversificati per incontrare le regole dei mercati locali o se staranno a quelle più rigide [...] e venderanno gli stessi prodotti in tutto il mondo.”

vedi anche:

Dell To Produce Low-Lead PC; February 3th, 2005
(solo In Inglese)

Dell Introduces Two New Eco-Friendly Desktops; June 4th, 2005
(solo In Inglese)

Computer Recycling World Tour by Dell; September 18th, 2005
(solo In Inglese)

Solio

Sunday, October 1st, 2006
soliosolarcharger.jpg

http://www.solio.com/v2
(solo In Inglese)

Solio, il Caricatore “Ibrido” Universale è abbastanza potente da caricare qualunque prodotto elettronico portatile a casa oppure in esterni, ovunque ci sia il Sole. Funziona assorbendo energia dalle comuni prese elettriche o dal Sole, immagazzinandola nella batteria interna di Solio.

(more…)

Computer TakeBack Campaign

Sunday, October 1st, 2006
computertakebackcampgn.jpg

http://www.computertakeback.com
(sono In Inglese)

L’obiettivo della Computer TakeBack Campaign è di proteggere la salute e il benessere degli utenti di beni elettronici, dei lavoratori del settore e delle comunità ove si producono e dismettono tali beni, esigendo dai consumatori, dai produttori e dai proprietari d’imprese che assumano piena responabilità per il ciclo di vita dei loro prodotti.
Tre princìpi sono essenziali per la riuscita della campagna Computer TakeBack: Ritira (responsabilità estesa del produttore); Produci pulito (riduzione dell’uso di sostanze tossiche); Ricicla Responsabilmente (incentivi, etichette su prodotti e tutti i loro componenti pericolosi, standard prestazionali per un’attuazione responsabile delle prassi di riciclo).