internet responsabile

February 8th, 2010
sustainable_internet

www.sustainableinternet.org
(solo in Inglese)

Sustainable Internet è il manifesto per un futuro connesso e sostenibile.
Sul sito vengono presentate dieci linee guida, per delineare un approccio sostenibile a internet tanto da un punto di vista ambientale, quanto da quello sociale ed economico. Su questo tema vengono presentate le questioni aperte, le soluzioni possibili e le buone prassi consolidate, che riguardano la produzione ma anche la fruizione dei contenuti. Inoltre, si esprimono alcune importanti considerazioni sulle questioni connesse all’attuale insostenibilità dell’infrastruttura della rete.

Read the rest of this entry »

Google e Cina

January 17th, 2010
google_china

The Official Google Blog: A new approach to China; January 12th, 2010
(solo in Inglese)

Il 12 Gennaio il blog ufficiale di Google ha pubblicato un post cruciale. Come proposito per il nuovo anno, in risposta alle riserve che da sempre orbitano attorno a Google rispetto alla sua politica sulla censura all’estero, l’azienda ha pubblicato un articolo il cui titolo la diceva lunga: un nuovo approccio con la Cina.
Nello scritto leggiamo che Google ha subìto attacchi alla sua infrastruttura aziendale, provenienti in origine dalla Cina. Secondo alcune indagini della stampa americana, diversi attacchi sono partiti da Taiwan, una pratica abbastanza usuale fra gli hacker cinesi.
La contromossa di Google, in risposta a quest’attacco, è priva di ambiguità: “dovremo riconsiderare la fattibilità dei nostri affari in Cina. Abbiamo deciso che non intendiamo più continuare a censurare i risultati del nostro motore di ricerca su Google.cn. Discuteremo col governo cinese le basi sulle quali potremmo costruire un motore di ricerca privo di filtri, che agisca nel rispetto delle leggi; sempre che questo sia possibile. Siamo consapevoli del fatto che ciò potrebbe far chiudere Google.cn e le nostre sedi in Cina”.
Così Google, un’azienda quotata in borsa, non un’istituzione internazionale, lancia forse la più significativa sfida che sia stata rivolta al governo cinese, per la discutibilità delle sue pratiche in fatto di diritti umani.

Read the rest of this entry »

smart_meters_opportunity

Design with Intent: Smart meter design consultation. Chance to get involved; June 18th, 2009
(solo in Inglese)

Design with Intent: Smart meters. Some thoughts from a design point of view; June 18th, 2009
(solo in Inglese)

Le ricerche di Dan Lockton sono centrate sul design, come strumento per condizionare il comportamento degli utenti; a questo tema ha dato il nome di “Design Intenzionale”. L’argomento è interessante, in termini di progettazione sostenibile, sotto diversi aspetti: sia per le prospettive che offre in termini di pratiche responsabili indotte che per il valore insito nella trasmissione stessa di sapere.
Certamente il tema sarà ripreso e approfondito ulteriormente; per il momento, si è scelto di presentare due articoli come esempi d’approccio al Design Intenzionale.

Read the rest of this entry »

dati verdi pubblici

January 10th, 2010
open_io

www.open-io.org
(solo in Inglese)

Open IO è una risorsa pubblica e gratuita, per valutare il grado di sostenibilità di prodotti e servizi. I dati disponibili sul sito sono stati preparati per chiunque voglia farne uso, gratuitamente e per qualunque obiettivo.
Il team di Open IO invita gli utenti a far parte del loro gruppo:”La collaborazione con le aziende e i ricercatori nei nostri sforzi per lo sviluppo di nuovi dati da mettere in condivisione è il nostro auspicio; e speriamo anche di ricevere feedback. Il nostro modello è basato sul miglioramento continuo e cercheremo di lavorare sodo, per arricchire le risorse con le quali offriamo al pubblico le migliori informazioni possibili inerenti lo sviluppo sostenibile; informazioni gratuite, aperte, trasparenti”.
I dati sono anche (quasi) pronti per essere importati in openLCA (e SimaPro, che però non è né gratuito né opensource), come libreria per l’analisi del ciclo di vita (Life Cycle Library).

::

vedi anche:

www.open-io.org/download.asp
(solo in Inglese)

openLCA: OpenIO_Import.pdf
(solo in Inglese)

ITgG: openLCA; 15 Luglio, 2007

ITgG: openLCA Beta 1.0; 26 Settembre, 2008

EcoMo09

January 9th, 2010
ecomo09

ecomo09.eventbrite.com
(solo in Inglese)

www.betavine.net/bvportal/community/sustainability
(solo in Inglese)

EcoMo09 è un evento che si è tenuto a Londra dall’11 al 12 Settembre 2009. L’evento era aperto a sviluppatori di software, desiderosi di incidere postivamente sulla società e l’ambiente. La connesione Wi-Fi e l’alimentazione in loco sono state offerte dall’organizzazione, mentre ai partecipanti si è chiesto di dotarsi dei propri portatili, nonché di eventuali software, kit di sviluppo e ulteriori strumenti.
Vodafone e Betavine hanno organizzato questo camp per sviluppatori di 24 ore, con concorso annesso. Nel corso dell’evento si sono tenuti workshop sulle risorse per il reperimento di dati ambientali, mentre i programmatori mettevano in opera le loro abilità nello sviluppo di codice “verde”, per creare prototipi di software che aiutino gli utenti a ridurre il proprio impatto ambientale. EcoMo09 ha avuto altresì l’obiettivo di offrire un’opportunità di socializzazione, collaborazione e creazione di reti, fra i partecipanti all’evento.

Read the rest of this entry »

Internet per la pace

January 6th, 2010
internet4peace_00

www.internetforpeace.org
(solo in Inglese)

Sulla copertina del n.10 di Wired Italia (Dicembre 2009) c’è una frase di Shirin Ebadi: “io nomino Internet patrimonio dell’umanità”. E’ il messaggio con cui Wired Italia ha aperto un numero tutto dedicato ad approfondire i temi insiti nella sua proposta di candidare il Web al Premio Nobel per la Pace 2010.

Read the rest of this entry »

CoolIT_copenaghen

Pochi giorni fa ho ricevuto un’email dalla newsletter della campagna “Cool IT” di Greenpeace, che riportava le conclusioni sul COP15, la 15a Conferenza dell’ONU sui Cambiamenti Climatici che si è tenuta a Copenhagen dal 7 al 18 Dicembre 2009. Tali conclusioni sono presentate dal punto di vista dell’IT e del contributo che può apportare alla riduzione delle emissioni di CO2. Alle osservazioni amare sugli scarsi risultati ottenuti, il team di “Cool IT” accompagna un invito alle aziende operanti nel settore dell’ICT, per pianificare politiche presentabili al summit del 2010, in Messico.
Mi sembra utile condividerlo.

Read the rest of this entry »